Ramen giapponese , ricetta vegana di Yoshie

Ramen giapponese , un piatto unico adatto alla stagione fredda.

Il ramen giapponese è una moda molto apprezzata, ma preparato con la ricetta di Yoshie Mizushima, chef di Shojin Ryori è anche una proposta nutriente, leggera e salutare e buonissima.

Ecco i dettagli della ricetta del Ramen giapponese vegano di Yoshie

Passaggi:

1)Preparare il brodo,
2)Preparare le guarnizioni,
3)Cuocere i noodles,
4) Assemblare tutto in una ciotola grande da Ramen

Ingredienti per il brodo per 2 persone:

Brodo di alga kombu 150cc
Brodo di funghi shiitake 50cc
Brodo vegetale 600cc ** (vedi la ricetta qui)
Semi di sesamo bianco macinato 2 – 3 cucchiai
Miso 1 cucchiaio
Zenzero grattugiato 1 cucchiaino
Olio di sesamo giapponese (preferibilmente tipo bianco e delicato) 1 cucchiaio
Salsa di soia 1 cucchiaio
Zucchero di canna (oppure, ancora meglio sciroppo di acero) 1 cucchiaino
Sale q.b.

Procedimento per il brodo per ramen vegano:

1. In una pentola, scaldare l’olio di sesamo e profumare lo zenzero grattugiato.
2. Aggiungere il brodo vegetale, il brodo di kombu e il brodo di shiitake e portare a
ebollizione.
3. Abbassare il fuoco, aggiungere il sesamo bianco macinato fine, la salsa di soia, e il
miso. Controllare il sale.

Ingredienti per le guarnizioni per 2 persone:

Fiocchi di soia secchi 20 – 30 gr (secchi)
Bocconcini di soia secchi 20- 30 gr (secchi)
Funghi shiitake secchi, ammollati e tagliati in piccoli pezzi, 1 o 2 shiitake
Zenzero grattugiato 1/2 cucchiaino
Salsa di soia 2 cucchiai
Mirin 2 cucchiai
Sake 2 cucchiai
Zucchero di canna 1 cucchiaino
Brodo di funghi shiitake 80cc circa
Brodo di alga kombu 80cc circa
Olio di sesamo 2 cucchiaini
Olio di semi 1 cucchiaino
Pak Choi 2 – 4 foglie
Olio di semi q.b. per cuocere il pak choi
Sale q.b.
Acqua q.b.
Peperoncini secchi sottili o germogli misti per guarnizione, opzionali

Procedimento:

1. Reidratare i bocconcini di soia secchi seguendo l’indicazione del prodotto.
2. Risciacquarli in acqua fredda un paio di volte per eliminare l’odore, scolare e pressare
per eliminare tutta l’acqua.
3. Tagliare i bocconcini di soia a pezzi (piu’ o meno della dimensione di carne macinata
piuttosto grossa, o a pezzi piu’ fini a seconda dei propri gusti).
4. In una padella, scaldare l’olio di semi con zenzero grattugiato.
5. Aggiungere i funghi shiitake tagliati a pezzi piccoli, bocconcini di soia e saltarli per un
paio di minuti, poi coprire con il brodo di shiitake e il brodo di kombu.
6. Aggiungere la salsa di soia, sake, mirin, zucchero di canna. Controllare il sale.
7. Quando il liquido e’ quasi evaporato, spegnere il fuoco e aggiungere un po’ di l’olio
di sesamo per profumare.
8. Tagliare il Pak Choi in pezzi grossi, separando la parte verde dalla parte bianca.
9. In una padella, scaldare un po’ di olio di semi e mettere un pizzico di sale.
10. Aggiungere il pak choi (prima la parte bianca, e poi la parte verde).
11. Aggiungere un po’ di acqua, coprire con il coperchio e cuocere il pak choi (non
cuocerli troppo, devono rimanere croccanti e mantenere il colore verde).
12. Quando il pak choi e’ cotto, spegnere il fuoco e togliere immediatamente il
coperchio.

Preparazione di noodles per 2 persone:

Noodles cinesi (oppure spaghettini/capellini) 160 gr circa
Bicarbonato di sodio 2 cucchiai (solo se vengono usati spaghettini/capellini)
Sale q.b.
Procedimento:
1. In una pentola con l’acqua bollente, mettere il bicarbonato di sodio e poco sale, e
cuocere la pasta. Non occorre il bicarbonato di sodio ne il sale se vengono usati i
noodle cinesi.
2. Controllare la cottura dei noodles (cuocerli al dente).
3. Scolare. *si possono mettere i noodles cotti in acqua fredda per bloccare la cottura,
e riscaldarli in acqua calda al momento di servire.
Come impiattare:
In una ciotola grande idealmente apposta per ramen, versare il brodo caldo, mettere i
noodles, e guarnire con le guarnizioni. Mettere il peperoncini secchi sottili o germogli
misti sopra.
By |2018-12-06T09:51:30+00:00dicembre 6th, 2018|Ricette|

About the Author:

Mamma, giornalista, curiosa della vita sempre in cerca di novità: tutte queste caratteristiche mi hanno portato ad iniziare un viaggio nel mondo olistico, un vero e proprio raggio di sole in un presente in cui il grigiore troppo spesso prende il sopravvento.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.