Passata rustica, è arrivato il momento di preparare la salsa di pomodoro

Passata rustica

E’ arrivato il momento preparare la passata rustica fatta in casa. I pomodori sono pronti. Anche quest’anno sarà mia madre a riempire la mia dispensa. Sotto trovate le sue istruzioni.

Amo molto i pomodori quindi durante l’inverno evito di consumarlo fresco o confezionato da altri e cerco di utilizzare soltanto la mia piccola scorta personale.

Ho piccole quantità di pomodori naturali offerti da amici e parenti e una fornitrice di fiducia.

Quando vedo che il picciolo è secco e si stacca da solo è quello il momento giusto per utilizzarli. Vuol dire che il pomodoro è ben maturo e avrà perso un po’ di acqua in eccesso

Procedimento per la passata rustica di pomodori

La prima cosa da fare è lavare i pomodori. Tagliateli in pezzi grossolani. Se si tratta di pomodori biologici o del vostro orto non preoccupatevi di togliere la buccia. Anche i semi si utilizzano. Riponeteli in una pentola capiente e aggiungete il sale a vostro gradimento. Se volete accentuare la dolcezza di pomodoro aggiungete anche un po’ di zucchero. I più salutisti possono saltare questo passaggio. Metteteli la sera in modo che liberino l’acqua. Lamattina mettete la pentola sul fuoco, a fuoco medio, facendo sobbollire i pomodori per circa 30-40 minuti. Molto dipende dalla quantità di acqua che lasciano in cottura e quindi dalla qualità del pomodoro.

Prendete a questo punto il passaverdura. Se volete fare una passata rustica , come me, prendete il filtro a fare più larghi, diversamente scegliete quello a fori  più piccoli. Otterrete la cosiddetta vellutata. Quando nel passaverdure restano solo le bucce avete finito il lavoro. Mettete la salsa ottenuta di nuovo sul fuoco assaggiando la per verificare sapore e sale. Potete aggiungere un po’ di zucchero se risulta acidula. Cuocete ancora per circa 30 minuti. A questo punto potete versare la polpa, mentre bolle, nei vasetti sterilizzate. Diversamente li dovete passare in forno una volta riempite. Leggete le istruzioni di conservazione.

Conservazione

Per prima cosa procuratevi dei barattoli di vetro con i coperchi adatti a fare sottovuoto. Sono monouso, mentre i vasetti invece sono riutilizzabili. Sterilizzate i vasetti e i coperchi facendoli bollire in acqua per una decina di minuti. Asciugateli, metteteli in forno a 100° per altri 10 minuti. Versate la salsa nel vasetto  ancora calda e riempite il vasetto. Meno aria resta e meglio è. Non si possono conservare vasetti riempiti a metà. Ideale sarebbe utilizzare un imbuto. Se il bordo del barattolo comunque si sporca va pulito prima di chiudere con il coperchio. Mi raccomando chiudete energicamente. Prendete la pentola più larga che avete, riponete vasetti e inframmezzateli con un telo per impedire che si rompano durante l’ebollizione. Coprite con acqua calda in modo da evitare lo shock termico. Fate bollire per altri 40 minuti. Dopodiché spegnete il fuoco e lasciate i vasetti nella pentola con l’acqua per un giorno intero. Trascorse le 24 ore verificate che le capsule dei coperchi si siano abbassate. Questo garantisce il sottovuoto. Dopodiché li potete mettere la vostra dispensa dove si conserveranno a lungo.

Leggi questo articolo per scoprire altri modi per conservare altre verdure estive: la fermentazione.

By |2018-09-05T15:17:26+00:00settembre 6th, 2018|Ricette|

About the Author:

Mamma, giornalista, curiosa della vita sempre in cerca di novità: tutte queste caratteristiche mi hanno portato ad iniziare un viaggio nel mondo olistico, un vero e proprio raggio di sole in un presente in cui il grigiore troppo spesso prende il sopravvento.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.