Moda Green: Tiziano Guardini, lo stilista che ama la Natura

Tiziano Guardini e la moda green

Anche l’alta moda, quella che fa sognare, diventa ecosostenibile e diventa moda Green. E’ in questa direzione che stanno andando in molti, dai grandi nomi come Armani e Stella Mccartney, agli emergenti, come Tiziano Guardini, lo stilista che ama la Natura.

E la ama davvero, non oggi per farne uno slogan,  ma nelle sue scelte lavorative e di vita.

Tiziano Guardini è infatti uno dei protagonisti di The Next Green Talents, il progetto di scouting di Vogue Italia e Yoox a Palazzo Morando, Milano.  La cerimonia di inaugurazione si è tenuta il 22 febbraio durante la Fashion Week Milanese, mentre la sua personale sfilata si è svolta il 23 febbraio alla Cavallerizze. Ho partecipato all’evento con grande entusiasmo e in quell’occasione ho potuto realizzare un’intervista in cui le mie sensazioni positive sono state confermate.

Come mi ha raccontato Tiziano Guardini stesso, nelle sue collezioni predilige materiale green. Utilizza lane e cotoni rigenerati e bottoni  in PLA, una plastica compostabile che viene dal mais. E poi ricicla; cercava paillettes eco, non trovandole le ha inventate riciclando cd usati.

E non da ultimo ci mette il cuore. Per esempio per la seta: usa solo quella cruelty free, ossia usa il bozzolo dopo che il bruco è uscito e si è trasformato in farfalla. In genere invece il baco viene bollito quando ancora ha il bruco all’interno.

“Il secondo fattore importante per me – racconta – è il rispetto delle persone che producono i miei capi. Le mani che toccano la mia moda devono essere felici”. E così dicendo mi trasmette un po’ di quella felicità, anche solo per come si pone nei miei confronti durante l’intervista.

Scelte green anche nella vita come dicevo. Tiziano Guardini a 23 anni è diventato vegetariano e recentemente vegano.

Nella moda, sono sempre di piu’ le aziende che ottengono per i propri prodotti certificazioni eco, come il Detox di Greenpeace (eliminare tutte le sostanze chimiche pericolose entro il 2020), il Gots (Global Organic Textile Standard, l’utilizzo di materie prime oraniche per i filati), l’Oeko-Tec Standard 100 (che garantisce che i prodotti tessili e i loro accessori non contengano o rilascino sostanze nocive per la salute)

By |2018-02-25T14:39:40+00:00febbraio 25th, 2018|Moda e Cosmesi|

About the Author:

Mamma, giornalista, curiosa della vita sempre in cerca di novità: tutte queste caratteristiche mi hanno portato ad iniziare un viaggio nel mondo olistico, un vero e proprio raggio di sole in un presente in cui il grigiore troppo spesso prende il sopravvento.

Scrivi un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.