Millefoglie extralight

Oggi voglio proporvi la ricetta per un dolce leggero che soddisfa le necessità di chi è intollerante al lattosio o ha fatto una scelta vegana ma anche di chi ha desiderio di dolce ma vuole limitare le calorie. Il millefoglie che vi propongo è stato cucinato per me dalla bravissima Licia Calìa, chef vegeta di lunga esperienza e con uno spiccato gusto per il bello. I suoi piatti, infatti, oltre che buoni, sono sempre esteticamente molto curati. Lo ha preparato in occasione di una puntata di Ricette per vivere bene andata in onda su Telecolor.

Millefoglie con frutti di bosco

 

Ingredienti per 4 persone

250 ml di latte di riso

200 ml di succo d’arancia

90 g di zucchero

35 g di amido di mais

2 cestini di frutti di bosco

2 C di zucchero a velo

120 g di pane carasau

Procedimento:

Versiamo il latte di riso  in un tegame e posizioniamo sulla fiamma e portiamo a ebollizione. Nel frattempo versiamo il succo di arance in una ciotola e misceliamo al suo interno la maizena mescolando a freddo con una frustina per evitare la formazione di grumi.

Appena il latte di riso inizia a prendere bollore aggiungiamo lo zucchero, poi incorporiamo anche la miscela di succo e amido che abbiamo mescolato poc’anzi, continuiamo a frustare fino a quando non si sarà addensata.

Aggiungiamo infine la scorza di un’arancia grattugiata. Continuiamo a frustare, poi spostiamo dalla fiamma.

Servendoci delle forbici tagliamo a quadrati di cm 10 x 10 il pane carasau, almeno 4 pezzi per porzione. Posizioniamo sul fondo di un piatto da portata il primo strato di crema e appoggiamo sopra di esso un pezzo di carasau, poi copriamo con un cucchiaio di crema e disponiamo in maniera uniforme i frutti di bosco. Creiamo diversi strati alternando crema di carote, pane carasau e frutti rossi, infine servendoci di un setaccio spolveriamo di zucchero a velo e serviamo subito.

By |2017-06-09T14:11:56+00:00giugno 9th, 2017|Generale, Ricette|

About the Author:

Mamma, giornalista, curiosa della vita sempre in cerca di novità: tutte queste caratteristiche mi hanno portato ad iniziare un viaggio nel mondo olistico, un vero e proprio raggio di sole in un presente in cui il grigiore troppo spesso prende il sopravvento.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.