Istruzioni origami, guarda il video tutorial per creare il cigno

Istruzioni origami in un video tutorial con Chisato Yamanishi

Istruzioni origami.

Gli origami di carta sono l’argomento di cui mi ha parlato Chisato Yamanishi, una curiosità dal Giappone che è in grado di sviluppare la manualità nei bambini e negli adulti oltre ad avere una valenza spirituale e ritualica.

origami di carta

Gli origami di carta, nelle loro forme più semplici, nelle scuole giapponesi, vengono realizzati anche dagli stessi bambini nelle scuole.

Chisato me ne ha parlato in una puntata di Rituali dal mondo, andata in onda su Telecolor, in quanto hanno origine antiche. Anche oggi fanno parte di una ritualità. Si regalano in occasioni speciali e con forme diverse in base all’occorrenza. .

Alla base della filosofia del piegare la carta, ci sono i principi shintoisti del ciclo vitale. La carta con le sue forme simboleggia il tempio che, ogni vent’anni, viene ricostruito sempre uguale, come una continua rinascita in un eterno ciclo vitale. L’origami simboleggia la trasformazione .

In particolare  con Chisato  abbiamo realizzato un video tutorial Istruzioni origami come fare un uccellino di carta, che si dona ai malati per augurare loro una veloce guarigione. Chisato, oltre a dare le ” istruzioni origami “, al riguardo, ha raccontato una storia che qui vi riporto.

Sadako Sasaki

tratto da wikipedia

La piccola Sadako si trovava a casa, a circa 1,7 chilometri di distanza dal luogo dell’esplosione. Lo spostamento violento d’aria la scaraventò fuori dalla finestra. Sua madre corse a cercarla, e la trovò poco lontano dalla sua abitazione, nei pressi del Ponte Misasa: la bimba era apparentemente illesa. La nonna materna si precipitò fuori di casa e non fu più vista. Sadako e la madre furono esposte alla pioggia nera. Crescendo divenne forte e atletica, ma nel 1954, all’età di undici anni, mentre si stava allenando per un’importante gara di corsa, fu colta da vertigini e cadde a terra. Le sue gambe si arrossarono e si gonfiarono nel gennaio del 1955. Le fu diagnosticata una grave forma di leucemia, conseguenza delle radiazioni della bomba atomica. La ragazzina venne quindi ricoverata alla croce rossa di Hiroshima.

La sua migliore amica, Chizuko Hamamoto, le parlò di un’antica leggenda secondo cui, chi fosse riuscito a creare mille gru – uccello simbolo di lunga vita – con la tecnica dell’origami avrebbe potuto esprimere un desiderio. Chizuko stessa realizzò per lei la prima, Sadako continuò nella speranza di poter tornare presto a correre. Comunque, il suo desiderio non era limitato a questo; Sadako stava dedicando al suo lavoro il massimo impegno, poiché credeva che così avrebbe posto fine a tutte le sofferenze, avrebbe curato tutte le vittime del mondo ed avrebbe portato loro la pace.

Poco dopo aver intrapreso il suo progetto, Sadako conobbe un bambino nelle sue stesse condizioni, a cui era rimasto poco da vivere. Ella cercò di convincerlo a fare la stessa cosa, ma la sua risposta fu: so che morirò stanotte. Durante i quattordici mesi trascorsi in ospedale, Sadako realizzò gru con qualsiasi carta a sua disposizione, comprese le confezioni dei suoi farmaci e la carta da imballaggio dei regali degli altri pazienti. Morì la mattina del 25 ottobre 1955. Le ultime parole della ragazzina che conosciamo sono “è buono” riferito al piatto di riso che le avevano fatto mangiare. Una versione della sua storia, vuole che Sadako fosse riuscita a completare 1000 gru, prima di morire; secondo un’altra, riferitaci da Eleanor Coerr nel suo romanzo Sadako and the Thousand Paper Cranes, Sadako sarebbe riuscita a completarne solo 644, mentre le restanti 356 sarebbero state aggiunte dai suoi amici. Infine, tutte le gru sarebbero state sepolte con lei.

Dopo la sua morte, i suoi amici e compagni di scuola pubblicarono una raccolta di lettere al fine di raccogliere fondi per costruire un monumento in memoria sua e degli altri bambini morti in seguito alla bomba atomica di Hiroshima. Nel 1958, fu collocata al Parco del Memoriale della Pace una statua raffigurante Sadako mentre tende una gru d’oro verso il cielo. Ai piedi della statua, una targa reca incisa la frase: “Questo è il tuo pianto. La nostra preghiera. Pace nel mondo”. È possibile, per i visitatori, come ricordo di Sadako e come simbolo di pace, lasciare una gru di carta in una grande urna, unitamente ad un messaggio. Le è stata dedicata anche un’altra statua, situata al Parco della Pace di Seattle.

SE vi piace la cultura giapponese leggete il mio articolo sulle alghe.

By |2018-06-04T10:29:21+00:00giugno 7th, 2018|Arte ed Abitare, Hello world !|

About the Author:

Mamma, giornalista, curiosa della vita sempre in cerca di novità: tutte queste caratteristiche mi hanno portato ad iniziare un viaggio nel mondo olistico, un vero e proprio raggio di sole in un presente in cui il grigiore troppo spesso prende il sopravvento.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.