Hamamelis virginiana la pianta che rafforza i vasi sanguigni

Hamamelis virginiana

L’ Hamamelis virginiana, o Amamelide, è la pianta che rafforza i vasi sanguigni
Per saperne di più leggete un estratto dell’articolo pubblicato dalla Rivista Pianeta medicina e salute, sulla quale potete trovare la versione integrale a cura di Roberto Solime, erborista e fitocosmetologo.
Famiglia: Hamamelidaceae
Parti utilizzate: Foglie
Caratteristiche: è una pianta a portamento arbustivo, che può raggiungere l’altezza di 6 m. Foglie ovali, lunghe fino a 15 cm e larghe fino a 7 cm, con margine dentato o crenato, apice acuto e base cordata asimmetrica. Venatura pinnata, molto evidente nella superficie inferiore.
Habitat: cresce spontaneo nelle coste orientali dell’America del Nord, nelle foreste umide del Canada. Ora è diffusa anche in Europacome pianta ornamentale.
Tradizione erboristico/popolare: il nome deriva dall’unione di due termini greci “hama” e “melon” ovvero pianta che fiorisce contemporaneamente al melo. Il nome popolare” nocciolo della strega”, invece, sembra sia stato attribuito in quanto la pianta era utilizzata per fabbricare scope.
L’amamelide fiorisce in inverno, sfidando i rigori della stagione fredda. In questo senso richiama alla capacità di resistere anche in condizioni avverse, trovando il nutrimento necessario attraverso le
radici (i vasi sanguigni) anche nel terreno gelido. Ecco perché risulta
particolarmente efficace come rimedio vasoprotettivo.
Uso topico: i principi attivi in essa contenuti possiedono un particolare tropismo nei confronti delle
membrane cellulari e delle pareti vascolari. Per la sua proprietà astringente l’amamelide aiuta a rinforza
re le vene dilatate e a riportarle alla loro struttura normale, è considerata un rimedio efficace nel trattamento di vene varicose, flebiti, varici, fragilità capillare, capillari dilatati, tendenza alla formazione di lividi.
La sua azione tonificante sui vasi sanguigni e schiarente permette di ridurre arrossamenti e infiammazioni, quindi particolarmente efficace in caso di couperose. Svolge azione riepitelizzante utile in presenza di dermatiti.
Per l’azione emostatica e cicatrizzante, localmente, è impiegata nelle lievi abrasioni e lesioni cutanee. Vari studi hanno dimostrato l’efficacia dell’amamelide anche in caso di eritemi solari e irritazioni cutanee. Presenta soprattutto attività astringente e trofica.
By |2018-08-30T12:24:59+00:00agosto 31st, 2018|Generale|

About the Author:

Mamma, giornalista, curiosa della vita sempre in cerca di novità: tutte queste caratteristiche mi hanno portato ad iniziare un viaggio nel mondo olistico, un vero e proprio raggio di sole in un presente in cui il grigiore troppo spesso prende il sopravvento.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.