Frutta e verdura autunnali , nutrirsi secondo stagione

Frutta e verdura autunnali , nutrirsi secondo stagione

Frutta e verdura autunnali , con i loro colori dal bianco all’arancio, preparano il nostro organismo ad affrontare il freddo dell’Inverno. Vi propongo questo interessante approfondimento a cura della naturopata Rita Valettini.

‘Nell’Autunno, stagione spesso uggiosa e cupa, magari ricca di piogge, la natura ci viene incontro con i suoi colori e i suoi gusti davvero consolatori. I colori della natura in autunno infatti sono tra i più belli di tutto l’anno, anche per frutta e verdura. Abbiamo la zucca, dal solare colore arancio che riporta gli ultimi raggi del sole estivo, ed il suo gusto  dolce e confortante, così come quello dei cachi, tipicamente novembrini, e i primi clementini, di un arancio davvero gioioso.
Ma abbiamo anche le barbabietole, dal rosso vivace che è un vero inchiostro, anch’esse dal gusto dolce, e il melograno, dai chicchi rossi, talmente belli e lucenti che sembrano rubini.ricette rape rosse frutta e verdura autunnali
Questi colori vivaci e questi gusti spesso dolci, come quello delle castagne, per citare un altro frutto tipico, oppure il profumo particolare e inebriante dei funghi che “fanno” proprio autunno, servono per sollevare l’umore, contrastando l’arrivo, dopo la luce dell’estate, del grigiore invernale.

Sostenendo l’umore, si ottiene anche un miglioramento del sistema immunitario. E’ risaputo infatti che le persone ottimiste si ammalano molto meno ed il loro sistema immunitario è più efficiente.
boschi di castagneI prodotti della natura in questo periodo, quindi, hanno lo scopo, oltre che di rifornirci di elementi chimici necessari al metabolismo, di sostenere l’umore e quindi l’efficienza del sistema immunitario così da garantire una migliore difesa nei confronti delle malattie da raffreddamento. I cibi della stagione fredda sono spesso molto gustosi, più poveri di acqua, ma 
più ricchi di calorie, proprio per riscaldare il corpo, difendendolo così dal tipico rigore di stagione. Più si sente freddo, infatti, più avremo desiderio di mangiare.
Si tratta di scegliere piante che vivono vicino a terra, come i vari tipi di cavolo, e anche nella terra, come le radici (patate, topinambur, sedano rapa, scorzonera e bianca, ecc.), perché in autunno l’energia scende verso terra, per questo gli alberi perdono le foglie. La linfa abbandona gli apici dei rami per ritirarsi nel grembo della terra, alle radici.

Le energie hanno dei movimenti, non sono tutte uguali. In primavera e in estate, abbiamo energie che escono, vanno verso l’esterno e verso l’alto, così spingono i germogli fuori dalla terra e dai rami. In autunno e in inverno avviene il contrario, l’energia rientra verso la terra, dove andrà a nutrire le radici e i semi delle piante che poi spingerà fuori, quando a primavera le energie cambieranno nuovamente direzione, andando verso l’alto e verso l’esterno.

Per noi è la stessa cosa, ricordiamo che il nostro corpo appartiene alla natura e ne segue i ritmi e i movimenti. Consumando cibo con energie adatte alla stagione in corso, offriamo forza al nostro corpo, e quindi una migliore salute. L’organismo, se verrà trattato con rispetto soddisfacendo le sue necessità, non mancherà di ricambiare, guidandoci nella scelta dei cibi 
giusti e ringraziandoci con il suo linguaggio fatto di sensazioni di benessere davvero piacevoli.
Cominciando ad ascoltare i messaggi del nostro corpo, potremo finalmente fare amicizia con lui, scoprendo quasi con stupore e gioia che in realtà è sempre stato il nostro migliore alleato. 
Questa amicizia, questo ritrovarsi con se stessi, cambierà completamente il nostro modo di vedere la vita e le paure diminuiranno’.

E se volete saperne di più su frutta e verdura autunnali leggete i miei articoli dedicati a castagne e melograna.

By |2018-10-23T20:12:02+00:00ottobre 27th, 2018|Salute|

About the Author:

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.