Effetti della cannabis

La cannabis terapeutica è sempre più diffusa a testimonianza della sua efficacia. Recentemente diverse regioni, tra cui la Lombardia, l’hanno resa mutuabile in caso di determinate malattie. Ma come agisce? Leggete questo articolo tratto dalla rivista Pianeta, medicina e salute a cura di Stefano Lenzi, Docente Universitario presso la Université Europénne Jean Monnet di Bruxelles, Consulente Sanitario presso gli Ambulatori Medici della Corte Costituzionale, Consulente Sanitario presso le Strutture Sanitarie del Quirinale. Trovate la versione integrale sulla rivista stessa e una video intervista al dottor Angeli Maria di Fede qui.
Il sistema endocannabinoide

I ricercatori scoprirono per la prima volta il sistema endocannabinoide nel corso di alcuni studi sugli effetti della Cannabis sull’organismo umano. Sebbene non siano ancora stati compresi tutti i relativi processi, sappiamo per certo che nel nostro corpo sono presenti milioni di recettori di cannabinoidi che interagiscono con molecole prodotte dal nostro stesso organismo, le cui strutture assomigliano a quelle di altri composti contenuti nella pianta di Cannabis (i diretti responsabili dei suoi effetti su corpo e mente). Vi siete mai chiesti cos’è che rende così efficace la Cannabis all’interno del nostro organismo? Ebbene, il sistema endocannabinoide! Fin dalla sua scoperta, il sistema endocannabinoide è diventato obiettivo primario della ricerca medica, a causa dei suoi effetti e proprietà terapeutiche potenzialmente benefiche per la salute umana.

CHE COS’È IL SISTEMA ENDOCANNABINOIDE?

Il termine “endo” è l’abbreviazione di endogeno, ovvero originario o prodotto all’interno di un organismo, un tessuto o una cellula.
“Cannabinoide” si riferisce invece al gruppo di composti capaci di attivare questo particolare sistema. Immaginate i recettori del nostro corpo come un insieme di serrature, ciascuna delle quali dotata di uno specifico set di chiavi:
molecole chimiche chiamate “agonisti”. Ognivolta che un agonista si lega ad un recettore viene generata una risposta, un messaggio con una specifica istruzione per la cellula. Il Sistema Endocannabinoide (SEC) è costituito
da due specifici recettori cellulari primari: CB1 e CB2. Gli agonisti, o chiavi, per questi recettori di cannabinoidi sono prodotti dal nostro corpo (endocannabinoidi), ma sono anche presenti in altre fonti esterne al nostro corpo, come nella Cannabis (fitocannabinoidi).

By |2018-08-19T14:00:39+00:00agosto 24th, 2018|Salute|

About the Author:

Mamma, giornalista, curiosa della vita sempre in cerca di novità: tutte queste caratteristiche mi hanno portato ad iniziare un viaggio nel mondo olistico, un vero e proprio raggio di sole in un presente in cui il grigiore troppo spesso prende il sopravvento.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.