Arte olistica, il mio battesimo

E’ difficile, per me, in questo momento (soprattutto da quando sono diventata una viaggiatrice olistica :-)) ricavare del tempo da dedicare alla mia persona. E in effetti, se non fosse stato per una serie di coincidenze, anche questa volta avrei rinunciato a una bella esperienza. E invece lunedì pomeriggio, con mia figlia al seguito, mi sono presentata al corso di Arteterapia della maestra Barbara Ortolan. Le avevo espresso le mie riserve su come avrebbe passato il tempo del corso la mia bambina. In fondo quando non lavoro voglio stare con lei il più possibile. E Barbara mi aveva risposto, col suo modo diretto e persuasivo che ben conosco, “è un tempo che devi dedicare a te”. E così  mi sono ritrovata immersa nel profumo della carta da disegno, dei colori ad acquerello, dei gessetti. Le due ore dedicate all’appuntamento sono volate. Mi sono ricatapultata nel mio passato, da ragazzina, quando amavo dipingere. Non lo ricordavo più. Mi è piaciuto quello che ho realizzato e mi sono stupita dei bellissimi dipinti che hanno fatto i miei compagni di aula …o di viaggio. Come ha spiegato la maestra, che tra l’altro nulla vuole anticipare sui prossimi, quella di lunedì non è stata una lezione a sé stante ma l’inizio di un percorso. Non so dove mi porterà questa esperienza, non so quali corde andrà a toccare. Di certo so che mi è piaciuta e non vedo l’ora che arrivi lunedì prossimo per il mio secondo appuntamento con l’Arteterapia.

By |2017-05-10T10:38:00+00:00maggio 12th, 2017|Generale|

About the Author:

Mamma, giornalista, curiosa della vita sempre in cerca di novità: tutte queste caratteristiche mi hanno portato ad iniziare un viaggio nel mondo olistico, un vero e proprio raggio di sole in un presente in cui il grigiore troppo spesso prende il sopravvento.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.